Health & Wellness, Lifestyle

Meal kit: a new way to enjoy delivered food

That is to say: why has the meal kit gained now its glorious momentum.

In the beginning was the restaurant, with well-set tables. There used to be a philosophy, a thought translated into a menu.

It is impossible to forget the atmosphere, the inner joy of dining at your favorite restaurant with your favorite people. Then COVID happened and we cannot help but wondering when we could enjoy those feelings again. Sooner or later we will be able to have fun with our friends again, enjoying long lunches like we used to. Until then, we have to patiently wait. 

The renovation of food sector

However, despite the tremendous times we’re facing, the food sector thought about some new ways to make us feel like we are eating a meal cooked by a chef but at our homes. 

One of those ways is, for example, the meal kit delivery system. What is it, you may wonder. We have already talked about it in our article on food delivery but here we are to deepen the conversation and see why it is so far away from the idea most of us have of the traditional food delivery system.

Generally speaking, a meal kit is a box that contains semi-finished and pre-dosed ingredients to finish recipes in your own kitchen. It’s undoubtedly a good alternative for those who are always disappointed by food delivery, who want to cook but don’t have the time to go looking for some (weird) ingredients nor the talent of a professional chef.

meal kit

So forget everything you thought you knew about “food delivery”. We are now experiencing a new era of eating: our habits are different and so are the new food delivery systems. Seems legit, doesn’t it?

But how have they changed, and why?

Meal delivery these days is more than just a pizza delivery guy showing up at your house. 

There are now companies built around the concept of preparing pre-portioned meals, packaging them and sending them to your doorstep.

For that reason meal kit delivery services are more than just heat and eat. The ingredients for preparing your meal come boxed with a recipe on how to make it. In the same way you’re still preparing a home-cooked meal, but the recipe searching, list-making and grocery store run aren’t necessary anymore.

How do they work?

There are a lot of meal kit delivery services to choose from. Some of them are subscription-based, others allow you to stop and start service at any time. Whatever type you choose, you will be given a list of meal options on the company’s website to pick from. Then you set up an account, decide what you want and place your order. The food will arrive at your doorstep in a few days frozen, pre-measured and pre-packaged, complete with all the ingredients you’ll need and instructions for preparation.

meal kit

Which are the advantages?

Wink at health

Following a balanced diet is essential. On the other hand, doing so it’s not that easy and that’s the reason why take away restaurants can become our best option because they’re fast and simple. 

Depending on the choices you make, restaurant meals can be full of all kinds of not so nutritional things, which can aggravate existing health issues or cause new ones.

Meal kit delivery companies can be a better nutritional choice. Most of these types of companies rely on chefs who choose the recipes and ingredients. Others employ nutritionists, so customers get the right amount of what their body needs.

The best part is you choose what you want from all the healthy offerings.

meal kit

Convenience

Cooking for one or two can be difficult. Finding quick and easy recipes that don’t require a long list of ingredients can be hard. Weekly trips to the grocery can start to feel like a chore. Meal kit delivery services are a convenient way to avoid this struggle.

Having ready to cook meals delivered to your door each week is easy. First, all you need to do is choosing the meal kit delivery service you prefer, then just set up an online account. 

Eventually the delivery will show up at your door in a few days.

meal kit
Delivery

All you have to do when your order arrives is unpack the box and put everything in the refrigerator until you’re ready to prepare it. 

Having meal kits delivered to your door is going to be more expensive than going to the grocery and cooking your own meals. But most of the companies will offer a discount for first time customers and many of them offer free shipping.

What about Italy?

All things considered, we can say that this new habit is becoming more and more popular also in Italy. 

Counting on Italy’s food tradition, NutriBees aims to provide people ready-to-eat meals, focusing on healthy ingredients and giving the customers the chance to choose which dishes tease them the most. 

Ours cannot be defined as a meal kit delivery system since we offer ready-to-eat meals rather than recipes and ingredients. Anyway, the goals are similar. Our mission is to allow you experiencing the perks of a diet delivery system without excluding the taste and the best Italian flavors.

Also, making it possible for you to enjoy new recipes effortless, combining health, tasty and comfort.

So… are you ready to become your own personal chef?

Health & Wellness, Lifestyle

Ricette fit che sembrano fat: come non privarsi di nulla

Il loro profilo IG è ricco di immagini food porn, ricette goduriosissime e consigli per mangiare sano senza rinunciare al gusto. Stiamo parlando di Ricette fit che sembrano fat, una community fondata da due amici, che promuovono da anni l’alimentazione sana sui social: Cheyenne è una personal trainer e coach online, mentre Ivan lavora come consulente in un’agenzia di marketing e comunicazione a Parigi. Noi di Nutribees li abbiamo intervistati per scoprire meglio la loro missione sui social la loro forte passione per il cibo sano.

Ciao ragazzi, come è nata l’idea della pagina vostra pagina IG?

Inizialmente nasce da un gruppo Facebook che abbiamo creato nel 2017. C’erano molti gruppi di fitness, ma non ci ritrovavamo con la loro ideologia e il loro modo di vedere una sana alimentazione e uno stile di vita sano. Quindi abbiamo aperto il gruppo Ricette fit che sembrano fat in cui poter condividere la nostra ideologia, senza demonizzare nessun tipo di cibo e dando la possibilità a chiunque di ricevere consigli gratuiti e senza critiche distruttive come spesso accade sui social purtroppo. 

Che messaggio volete comunicare con Ricette fit che sembrano fat?

Vogliamo comunicare che per star bene non bisogna privarsi di nulla, che il cibo è nostro alleato e se lo amiamo e impariamo a conoscerlo può essere il nostro migliore amico. Vogliamo far capire alle persone che per mangiare sano non bisogna vivere con pollo, riso e insalata: si può mangiare bene senza rinunciare al gusto e una coccola giornaliera non fa male, anzi aiuta a rendere lo stile di vita sostenibile.

C’è qualcosa che amate preparare in cucina più di altro?

Io (Cheyenne) amo preparare le colazioni: mi rilassa la mattina prendermi il mio tempo e organizzare ciò che farò durante la giornata davanti a una bella torre di pancake. Ivan invece è un italiano doc, ama la pasta e fare sempre nuovi abbinamenti super gustosi!

ricette fit
pancake

Che tipo di alimentazione seguite?

Entrambi seguiamo un’alimentazione intuitiva, mangiamo ciò che ci ispira in quella giornata e anche in base a quello che abbiamo in frigo! Non avendo obiettivi di dimagrimento o agonistici mangiamo “a sentimento” perché ormai conosciamo le nostre porzioni e abbiamo consapevolezza di ciò che mangiamo senza doverlo tracciare.

Se doveste scegliere 3 ingredienti a cui non potete rinunciare nella vostra alimentazione, quali sarebbero?

Sicuramente i fiocchi d’avena perché sono una salvezza in cucina. Si possono usare per impanate il pollo, per fare il porridge, si possono frullare e ridurre in farina per fare qualsiasi tipo di preparazione che può essere una piadina o una torta o anche gli amati pancakes. Poi lo yogurt greco – altro alimento indispensabile per noi – e le uova, come miglior fonte di proteine e nutrienti che esista!

ricette fit
Lo yogurt greco è un alimento ottimo sia per preparazioni dolce, che salate

Secondo voi quali sono i segreti per mantenere uno stile di vita sano?

Come ho detto prima, il segreto è solo uno: sostenibilità. Trovare uno stile di vita che non ci pesi, concedendoci ciò di cui abbiamo voglia, senza vederlo come uno sgarro, ma come un piacere. 

Cosa pensate dei servizi di healthy delivery food come Nutribees?

Penso sia un servizio comodissimo per chi ha poco tempo per cucinare, oppure per coloro a chi non piace cucinare, o ancora un ottimo modo per poter provare qualcosa di diverso, buono e sanissimo comodamente a casa! 

Health & Wellness, Lifestyle

Diet delivery: its perks and why you should consider it.

Why has it become so essential?

Although Nutribees is not really a diet delivery service, many people rely on us when it comes to take more care of their eating habits, lifestyle and their wellness. 

It is surprisingly incredible how improving our way of eating allows us to feel better, both mentally and physically. And this may be the main reason why so many people, through the latest years, have decided to trust us and to try our special diet delivery service.

What’s it about?

First of all, our keyword is customization. In other words, we do not think our customers have all the same habits, goals or needs, so we give them the opportunity to point them out through an online and free test. As a result, our website will show them the best options on the menu.

Second, we embrace a very wide and mixed segment of clients. From a working couple to a top manager but, above all, our customers are all those people who want to experience a new (and healthier) way of eating but, somehow, have not had the chance to do so yet. For instance, it might be because they are lazy, or because they have no clue about cooking. And that’s exactly where we come into play, providing them our flexible and healthy solution.

diet delivery

So this made us reconsider the whole picture

Why do people count on our service, at the end of the day? and what are the aspects they do like the most?

First of all, we deliver ready-to-eat meals across the whole Country on a weekly basis, which can be basically translated in: we allow people to save their time since they don’t have to go shopping anymore.

No more long and boring queues. No more extra stress you really don’t need.

Besides: not going shopping means “not buying extra full-of-fat useless products”, such as biscuits or chips. So basically that kind of things one’d buy just out of gluttony.

However, everybody has a breaking point: a flavor, an ingredient, a food we can’t say no to. And that’s exactly the reason why we offer the right compromise between “healthy” and “mouth-watering” food.

You won’t have to give up on foodie goodness

It must be remembered that NutriBees provides already dosed portions. People have a “physical” imposition of how much they have to eat without the possibility to add “a little more” of that ingredient. And this sounds pretty good especially for those who lack in willpower and don’t want to give up on the “tasty component”. (Little spoiler: you won’t because our dishes are just as delicious as the ones your mom used to prepare for you).

diet delivery

All things considered, it looks like our service is perfect also for the office. Many of us don’t go home for the lunch break and therefore have difficulty finding a healthy dish around. Often we settle for a sandwich that, however, will hardly meet our nutritional, caloric and healthy food needs.

Are there concrete evidence of this system?

Although our dishes are prepared according to the indications of a nutritionist, the results of a diet at home service cannot be predicted with certainty because they depend on many factors. A part from the dishes delivered by NutriBees, in fact, is important to mention the food consumed outside of scheduled meals, genetics and ultimately the physical activity practiced.

In addition, as with all things, it is important not to exaggerate with expectations or think that overnight you can lose dozens of pounds. As shown above, the diet delivery service offered by NutriBees is focused on a dietary re-education.  Given these points, it’s safe to say that we encourage people to understand what are the best options of food for a healthy nutrition, underling that “healthy” and “delicious” can get perfectly along.

diet delivery

Oh, almost forgot! Our diet delivery service allows even those who live in small towns (and would struggle to use other home food delivery services) to be able to use it and to eat healthy without effort. You now have no excuses but to try us!

diet delivery
Nutribees


Lifestyle

Tra cucina e fotografia: intervista a Cristina Saglietti

Cristina Saglietti è conosciuta sui social come Contemporaneo food. Lavora da tantissimi anni nel mondo della cucina e della fotografia – creando ricette e contenuti fotografici per brand e aziende. Noi di Nutribees l’abbiamo intervistata per farci raccontare come funziona il suo lavoro e per raccontarci le sue due più grandi passioni: la cucina e la fotografia.

Ciao Cristina, ci racconti un po’ chi sei e di cosa ti occupi?

Mi definisco una creativa da sempre: dopo gli studi di economia ho deciso, per vari motivi, che avrei dovuto investire tutte le mie energie in quello che mi piaceva fare da piccola per trasformarlo in lavoro. Da piccola fantasticavo immaginando di aiutare le mie clienti a formulare menù per le loro feste. Oggi sono una food writer a tempo pieno, quindi elaboro, cucino e fotografo le mie ricette per aziende, supermercati, riviste e privati che seguono regimi alimentari particolari. Seguo il mio blog Contemporaneo Food che mi chiamano per creare scatti di still life per presentazioni creative di food e lifestyle. La musica mi fa sempre compagnia e al mio seguito ho un bassotto e due gatti: sostanzialmente mi diverto tutto il giorno a fare bene il mio mestiere, che mi regala grandi soddisfazioni.

Quando nasce la tua passione per il cibo?

Credo che un po’ fosse nel mio DNA e un po’, sicuramente, la mia famiglia mi ha aiutato a svilupparla. A partire dai nonni fino ai miei genitori e zii, ognuno con un proprio modo, erano e sono appassionati di cucina. Quando ero piccola la mamma mi coinvolgeva in tutto quello che faceva, spronandomi ad aiutarla per quello che potevo. Il primo ricordo è quello di me che lavoravo il burro con lo zucchero per farlo montare. Così – e guardando le immagini dei giornali di cucina di mamma – ho imparato a cucinare e a capire dalle foto se una ricetta fosse davvero valida o meno, al di là del primo impatto estetico.

Insalata di cipolle agrodolci, patate e olive taggiasche

Ci sono ingredienti che non possono mai mancare nella tua alimentazione e che ti ispirano di più per ricette e foto?

Definisco appunto la mia cucina “contemporanea e questo per me significa proporre dei piatti di facile esecuzione, belli da vedere e buoni da mangiare: devono rispettare i nostri bisogni, farci stare bene, in forma e appagati. Materie prime di stagione e di qualità sono gli elementi essenziali da cui partire. La verdura è la mia materia prima preferita con la quale a mio avviso si può giocare molto bene, per ottenere piatti davvero golosi e sfiziosi. Spezie, menta fresca o secca e l’olio extravergine d’oliva buono sono comunque gli ingredienti che nella mia cucina non mancano proprio mai.

Secondo te cucina e fotografia veicolano lo stesso messaggio e le stesse emozioni?

Dovrebbe essere così e ho lavorato molto proprio per ottenere questo risultato. Il nostro è un mondo purtroppo spesso un po’ sfalsato. Ci sono riviste che comprano delle immagini per risparmiare e ci costruiscono attorno delle ricette, oppure ci sono amanti della fotografia che creano bellissime immagini ma con ricette poco funzionali e tecnicamente valide. Queste due situazioni non aiutano di certo a valutare bene cosa sia buono e fatto bene da cosa sia bello e impostato per rendere bella una foto – magari per avere successo sui giornali e soprattutto sui social.

Per quello che mi riguarda, spero davvero di aver trovato un connubio importante: le mie foto sono fatte a servizio completo delle mie ricette; devono essere piacevoli da vedere, ma prima di tutto devono trasmettere più possibile sensazioni vere. Gioco molto sui contrasti e consistenze dei sapori.

Tuorlo fritto su crema di feta, con insalata di zucchine, mirtilli e menta

Le mie foto allo stesso modo giocano con i contrasti di colori e di luce, nella speranza di far arrivare il piatto quasi ad essere “toccato” e “assaggiato” con gli occhi.

Cos’è per te la cucina contemporanea?

Come ho già spiegato prima, la cucina deve essere attuale: non ha senso seguire oggi un’alimentazione “tradizionale” fatta di ricette strutturate e impegnati ve da realizzare. Per fortuna il nostro stile di vita è cambiato e il cibo deve sostenerci in questo. Siamo poi tutti più o meno attratti dalle cose belle e quindi serve anche portare il bello a tavola. Sano non vuole dire dietetico, ma solo equilibrato e fresco. Bello non vuol “dire difficile da fare”, ma realizzato con un minimo di amore e impegno.

“Siamo cosa mangiamo” a mio avviso è la più grande verità. Saper bilanciare proteine e grassi, capire come abbinare le materie prime per mangiare con gusto e restare in forma è fondamentale.

Qual è il processo creativo che segui per creare una ricetta? Ti ispiri a qualche chef?

Non ho la presunzione di essere un cuoco nè uno chef e non ho la presunzione di ispirarmi a queste figure. La padronanza delle varie tecniche e lo studio differenziano chi di mestiere fa lo chef e chi come me, crea le ricette per un uso quotidiano. Le mie ricette sono state definite nel tempo “quelle che funzionano”, ovvero: le guardi dalle foto, ti ispirano, le fai a casa sicurissima che vengano bene e non abbiano sorprese strane. Io vivo da sempre con una moltitudine di sapori e colori in testa: semplicemente ci gioco. Immagino di combinarli insieme, immagino i colori e consistenze delle materie prime, in testa mi si costruisce il risultato finale che poi creo effettivamente nella fase successiva.

Crema di asparagi con gamberi spadellati, coulis di mango e cialde di riso croccanti

Hai delle passioni parallele alla cucina e alla fotografia?

Adoro da sempre stare con amici a quattro zampe, che nella mia vita non devono mancare per poter stare serene. Mi piace la musica, il nuoto, disegnare, cucire abiti: infatti ho una piccola firma di moda.

Cosa ne pensi dell’healthy delivery food e di un servizio come Nutribees?

Penso che sia un servizio utilissimo e di qualità: è vero che sono la prima a dire sempre che occorre mangiare prodotti freschi non confezionati, ma è anche vero che ognuno ha le proprie esigenze. Ci sono molte persone che proprio non amano cucinare e magari vivono sole, con poco tempo da dedicare alla cucina. Ci sono anche persone che per lavoro si trovano lontano da casa e hanno comunque piacere di mangiare bene, studenti e persone che pranzano sempre fuori per lavoro… insomma, piuttosto che mangiare male, ben venga utilizzare un servizio come Nutribees che propone ricette adatte ad ogni stile di vita. Con le esigenze che ci possono essere al giorno d’oggi, un servizio del genere è necessario e perfetto in moltissime occasioni.

Health & Wellness, Lifestyle

Francesco Saccomandi: le passioni di una Fornostar

É un pastry blogger di successo – amante del marketing, della tecnologia e della pasticceria americana. Stiamo parlando di Francesco Saccomandi, conosciuto sui social e in TV per le sue ricette e tutorial a tema pasticceria, e creatore della community di Fornostar. In questa intervista scopriamo meglio chi è e le sue passioni.

Ciao Francesco, ci racconteresti un po’ chi sei e di cosa ti occupi?

Sono di Ravenna ma mi sono trasferito da qualche anno a Senigallia, dove lavoro come Direttore Marketing per un’azienda che fornisce campioncini di bagno schiuma e shampoo per alberghi di lusso. Il marketing è sempre stata una mia grande passione, ma nel tempo libero mi dedico alla cucina e pasticceria – in particolare a quella americana. Amo la tavola, le sensazioni che si trasmettono attraverso la cucina e per questo ho creato una community online che racchiude il significato che per me ha la cucina: si cucina quando si è contenti, quando ci vuole rilassare o si è arrabbiati, per trasmettere amore. La mia avventura online è iniziata 10 anni fa: ho aperto un blog, poi un canale Youtube e successivamente mi sono spostato anche sui nuovi social come IG e TikTok. Con il tempo mi sono fatto conoscere e anche le aziende hanno cominciato a contattarmi per lavorare insieme: è molto bello perché questo ha sempre unito la mia passione per il marketing a quella della cucina. Quello che mi piace è poter condividere quello che so e quello che vivo tramite le mie più grandi passioni, come appunto la pasticceria, il marketing, i viaggi e la tecnologia.

Come è nata la tua passione per la pasticceria?

La passione per i dolci nasce da quando ero molto piccolo, a circa 7 anni. A scuola mi diedero un primo compito che era quello di preparare la torta Malvina – un dolce che prevedeva di separare i tuorli dagli albumi. Quindi il mio primo approccio alla pasticceria è stato quasi una sfida con me stesso, perché ovviamente non ero capace. Successivamente è sbocciato l’amore per i dolci, la cucina e in particolare per i lievitati e tutte le preparazioni che prevedono l’utilizzo del forno.

Quanto è cambiato e in che modo il tuo lavoro sui social con il passare degli anni?

Ho notato un cambiamento forte durante il periodo del primo lockdown, quando ho cominciato a fare le dirette su IG: grazie a ciò ho notato un avvicinamento sostanziale tra me e la community. Essendo poi un amante della tecnologia e della telecamera, ho percepito anche un evoluzione dei contenuti verso video veloci, immediati e senza audio. Ho quindi iniziato a produrre contenuti di questo genere – accattivanti, raccontati bene e con i sottotitoli. Con l’arrivo di TikTok poi ho notato un passaggio dall’estetica perfetta di IG a immagini più reali, più veritiere: grazie a TikTok sto imparando molto.

Cosa ti piace della pasticceria? Ci sono pasticceri o food blogger a cui ti ispiri?

Della pasticceria – a livello emotivo – amo il fatto di vedere i sorrisi delle persone che rimangono a bocca aperta davanti ad un dolce: questo mi fa veramente emozionare. In pasticceria amo stuccare, usare le spatoline, decorare con la ganache i dolci. Fatemi decorare una torta a piani e sarò la persona più contenta del mondo.

Ci sono tantissimi personaggi del food blogging che stimo e a cui mi ispiro: la prima in assoluto è sicuramente Marta Stewart, la regina dell’entertainment americano. Mi piacciono tantissimo poi Candace Nelson – fondatrice della catena di pasticceria di cupcake Sprinkles e Matthew Jones di Bread Ahead. Di personaggi italiani, stimo tantissimo Sonia Peronaci – dalla quale ho imparato la estrema meticolosità – e Natalia Cattelani per il suo approccio caldo e materno in tutto quello che fa.

Se fossi un dolce, che dolce saresti?

Sarei sicuramente una torta Devils food, ovvero una torta rigorosamente al cioccolato, ricoperta di ganache al cioccolato. Secondo me è la torta per antonomasia e mi ci rivedo molto.

C’è un ingrediente della cucina etnica che ami utilizzare particolarmente e uno insolito nella cucina italiana?

Come ingrediente etnico ti direi assolutamente il burro di arachidi: amo farlo in casa e preparare dolci dove inserirlo. Si può mettere nella cheesecake, nei cookies, nelle torte, un po’ dovunque. Inoltre, per quanto sia un alimento calorico, il burro d’arachidi è un ingrediente adatto ad un’alimentazione sana e controllata.

Se dovessi invece pensare ad un ingrediente italiano poco utilizzato in pasticceria, direi i fagioli borlotti. Con i fagioli borlotti si possono fare dei brownies al cioccolato super salutari, senza burro e farina.

Ecco la ricetta dei brownies con i fagioli borlotti

Sei legato a qualche ricetta in particolare?

Sono legato molto alla ricetta della Red Velvet: questo dolce mischia sia la parte di tecnologia/chimica che amo, sia i miei gusti estetici. Di questa torta amo la schiuma della reazione lievitante, il colore rosso, il cacao e infine il frosting al philadelphia.

Siamo ormai arrivati alle feste di Pasqua. Consiglieresti una ricetta flash per chi non ha idea di cosa preparare come dolce?

Certamente! Potete preparare dei fudge squisiti a base di soli due ingredienti. Questi cioccolatini si preparano con cioccolato fondente e un burro di frutta secca a scelta – mandorla, nocciola, burro d’arachidi.

francesco saccomandi

Mettete tutto a bagnomaria e lasciate sciogliere; una volta sciolti gli ingredienti, riempite con il composto le formine per il ghiaccio e mettete in freezer per circa un’ora. Trovate la ricetta sul mio profilo IG – Francesco Saccomandi: vedrete che risultato!

Health & Wellness, Lifestyle

Come fare una dieta personalizzata per perdere peso

Impostare in modo semplice e pratico un regime alimentare sano e su misura non è sempre facile. Spesso mancano le conoscenze per abbinare gli alimenti e le basi della sana alimentazione. In questo articolo scopriamo come fare una dieta personalizzata per riuscire a perdere peso.

No a diete drastiche, sì alla personalizzazione

La dieta personalizzata è la giusta strada da seguire se si vuole iniziare a perdere peso in maniera sostenibile e duratura. Cerca di evitare diete drastiche e regimi alimentari che promettono di perdere peso in poche settimane, o addirittura pochi giorni. I parametri da tenere in considerazione su come fare una dieta sono tanti e non uguali per tutti. La soluzione migliore è quella di rivolgersi ad un professionista del settore. Se non vuoi rivolgerti a un nutrizionista o un dietologo, devi impostare il tuo regime tenendo conto di parametri, abitudini alimentari e preferenze individuali.

come fare una dieta: rivolgiti ad un professionista
Un professionista del settore saprà costruire su di te una dieta personalizzata

Cosa serve per creare una dieta su misura

I criteri da tenere in considerazione per impostare una dieta sono:

  • calcolo del consumo energetico giornaliero totale che si concentra su
  1. metabolismo basale. Sono le calorie che si consumano per mantenere attivo il corpo nei processi vitali. Il metabolismo basale varia in base all’età, il sesso, il peso, la massa muscolare. Non tiene conto delle calorie spese per le attività giornaliere come il lavoro o l’attività fisica.
  2. Livello di movimento: una variabile importante è il nostro livello di attività. La creazione della dieta cambierà molto in termini di calorie se abbiamo uno stile di vita molto sedentario o molto attivo. Chi svolge un lavoro attivo e pratica sport, consumerà molte più calorie di una persona che invece ha uno stile di vita totalmente sedentario.
  • calcolo delle calorie e definizione dell’obiettivo della dieta: quando abbiamo calcolato le calorie totali, il nostro metabolismo basale e quanto è attiva la nostra vita, dobbiamo individuare l’obiettivo della nostra dieta. Se abbiamo bisogno di dimagrire o definire i muscoli, sarà necessario stabilire un deficit calorico; al contrario, se il nostro obiettivo è prendere peso o mettere massa muscolare, si dovrà definire un surplus calorico.
  • calcolo e suddivisione dei macronutrienti: definito l’obiettivo della dieta, è necessario creare una suddivisione bilanciata di proteine, carboidrati e grassi all’interno della nostra dieta. Solitamente per una dieta atta al dimagrimento la percentuale dei macronutrienti è di
    20-30% carboidrati, 25-30% proteine, 30-35% grassi. Per aumentare la massa muscolare invece il calcolo è totalmente diverso, ovvero
    55-60% carboidrati, 20-25% proteine, 15-20% grassi.

La scelta degli alimenti: ecco qualche consiglio

Il passo successivo su come fare una dieta prevedere la scelta degli alimenti. Cerca di prediligere frutta e verdura di stagione, consumare più cereali o carboidrati integrali. Utilizza più volte a settimana i legumi, fonte importante di carboidrati e proteine vegetali. Per quanto riguarda i grassi, prediligi grassi di qualità come l’olio extravergine di oliva, avocado, frutta secca e semi – ricchi di fibre e grassi buoni. La qualità dei grassi può influire molto sullo stato di nutrizione del nostro corpo.

Cerca di consumare pesce azzurro – anch’esso ricco di grassi buoni – e carni magre. Non demonizzare i latticini, ma preferisci il consumo di quelli magri come la ricotta, i fiocchi di latte, lo yogurt greco, il primo sale. Limita gli zuccheri, le bevande dolci e gli alcolici. Fondamentale per il nostro corpo è infine l’idratazione: bevi almeno 2 litri di acqua al giorno.

come fare una dieta
l’idratazione è una parte fondamentale della nostra dieta

Healthy delivery food: una soluzione per chi vuole mangiare sano senza fatica

Se non sai come fare una dieta e non hai voglia, nè tempo di effettuare calcoli, esistono alcune soluzioni nel campo dell’healthy delivery food che possono fare al caso tuo. Nutribees è un servizio che spedisce a casa tua piatti pronti sani e bilanciati, preparati con ingredienti freschi.

Ordina Ora

come fare una dieta: healthy delivery food
Beyond burger di nutribeees

Prima di ordinare i tuoi piatti, puoi compilare il test nutrizionale gratuito, che attraverso alcune semplici informazioni sul tuo stato di salute e il tuo stile di vita, ti consiglia i piatti adatti al tuo obiettivo – che sia dimagrimento, mantenimento o acquisto di peso.

TEST GRATUITO

Health & Wellness, Lifestyle

Intuitive eating: Cos’è? Ce lo racconta Melissa Zino

Melissa Zino è un’imprenditrice del mondo del wellness a 360°; nel suo lavoro si focalizza infatti su tutti quegli aspetti che possono far bene a corpo e mente – dall’alimentazione sana, allo sport, passando per viaggi fino alla lettura di un libro. Negli anni è riuscita a trasformare la sua passione e il suo hobby in un vero e proprio lavoro, curando un profilo IG da più di 180k e un blog dedicato alle sue più grandi passioni. In questa intervista ci racconta un po’ di sè e di come è riuscita a trovare un equilibrio sano grazie all’intuitive eating.

Come è nata la tua passione per il fitness e per l’alimentazione sana?

Io ho un passato da ginnasta: ho iniziato quando avevo 6 anni, per terminare nel periodo delle superiori. Si può dire quindi che io sia cresciuta a pane e sport. Ovviamente da bambina non curavo molto la mia alimentazione, anche se ho sempre mangiato sano. Poi mi sono riavvicinata allo sport – in particolare alla palestra – e in quel momento ho iniziato a curare anche molto di più la mia alimentazione. Mi ha sempre incuriosito capire le proprietà degli alimenti e perchè un determinato cibo potesse far bene rispetto ad un altro; ho quindi deciso di aprire il profilo IG e iniziare a condividere come mi allenavo, quello che mangiavo e le informazioni che assimilavo.

Spesso sui social e nel tuo blog parli dell’intuitive eating. Ci spiegheresti cos’è e come funziona?

L‘intuitive eating è una filosofia alimentare che mi ha rivoluzionato il modo di intendere il cibo. Quando mi sono riavvicinata allo sport – venendo da qualche anno in cui non mi allenavo – avevo bisogno di rimettermi un po’ in forma. Ho provato qualsiasi tipo di dieta si conosca, senza risultati sul lungo periodo e soprattutto nulla era sostenibile. Ho potuto rimettermi in carreggiata una volta conosciuta questa filosofia, che si basa sostanzialmente nell’ascoltare il proprio corpo. Non ci sono calcoli di calorie e macronutrienti, con la finalità di soddisfare il senso di fame – sia a livello di corpo, ma soprattutto a livello di testa. Scelgo sempre un piccolo aneddoto per spiegare l’intuitive eating in maniera semplice:

“Se ho voglia di un cioccolatino e nego al mio cervello (e alla mia pancia) la voglia di mangiarlo, allora il mio cervello non penserà ad altro se non a quello, fino a quando non riuscirà ad ottenerlo. Nel momento in cui lo otterrà, non vorrà più un solo cioccolatino, bensì tutta la scatola.”

intuitive eating
l’intuitive eating insegna a gestire il senso di fame e a soddisfare la fame senza rinunce

L’intuitive eating insegna a rapportarsi in maniera sana al cibo, aiutando il corpo e la mente a non rinunciare sempre, ma a concedersi – in maniera cosciente – ciò di cui abbiamo voglia e bisogno di mangiare. Questo è un percorso a cui bisogna dedicare tempo, fin quando non diventerà automatico e naturale.

Cosa non può mai mancare nella tua alimentazione? Ci sono cibi a cui non puoi rinunciare?

Io mangio di tutto e sono da sempre sostenitrice della varietà in cucina: mi piace diffondere il messaggio che più si mangia variegato, meglio è per il nostro corpo. Sicuramente non potrei mai fare a meno di frutta e verdura, che sono quelli alimenti che cerco sempre anche quando sono in viaggio. Non ho però dei cibi a cui non posso rinunciare, proprio perché grazie al processo dell’intuitive eating riesco a soddisfare – con coscienza – qualsiasi piccola voglia.

Uno dei tuoi motti è “Gli addominali si fanno a tavola”. Hai dei consigli da dare per avere la pancia piatta?

Si dice che per avere la pancia piatta il 70% del lavoro sia merito dell’alimentazione: secondo me è anche molto di più. Non ci sono ovviamente cibi magici, ma esiste un’alimentazione equilibrata e il più possibile pulita – senza troppi sgarri. Non nascondo poi che alla base della pancia piatta ci sia anche un fattore genetico: in base al tipo di fisicità, c’è chi accumula grasso nelle cosce o nelle gambe e chi nell’addome.

intuitive eating: pancia piatta
La pancia piatta si ottiene grazie ad un’alimentazione sana e pulita

Tu sei un’appassionata di viaggi. Spesso in viaggio si vogliono provare pietanze tipiche, ma si ha paura di intaccare la linea. Come riuscire a non sentirsi in colpa?

Quello che consiglio sempre a tutti è di assaggiare sempre e immergersi nella cultura del posto che si sta visitando. La cultura e il cibo valgono molto di più del kiletto o due in più che si possono prendere! I viaggi sono sempre in un periodo limitato di tempo, quindi c’è tutto il tempo per rimettersi in riga con l’alimentazione una volta tornati a casa. Sicuramente un consiglio che posso dare è fare movimento: cercate di essere il più attivi possibile, prediligendo la camminata o la bicicletta per spostarvi.

Cosa pensi dei servizi di healthy delivery food come Nutribees?

Non posso che pensarne bene! Il delivery sta diventando un bastone importante del settore della ristorazione e questi servizi sono in grado di avvicinare persone che hanno uno stile di alimentazione sregolato e che vogliono iniziare a mangiare bene: molti non sanno come accostare i cibi e preparare i piatti in base ai macronutrienti. Sicuramente un servizio come Nutribees può essere una guida per chi si approccia per la prima volta all’alimentazione sana e un aiuto per chi non ha tempo o voglia di cucinare, ma vuole comunque mangiare bene e con gusto.

intuitive eating: healthy delivery food
L’healthy delivery food può aiutarti a imparare a mangiare sano e bilanciato

Daresti un consiglio a chi cerca di raggiungere un equilibrio tra sport e alimentazione sana, senza perdere la motivazione?

L’equilibrio è un punto di arrivo nella vita e secondo me non ci si arriva mai: tutta la vita richiede una costante ricerca di equilibrio. Quando si vuole iniziare ad avere uno stile di vita sano, io consiglio sempre di non iniziare in maniera drastica: fare 4 ore di palestra e mangiare solo pollo e riso, non è sostenibile nel lungo periodo. Consiglio di porsi dei piccoli obiettivi da raggiungere, in maniera graduale. In questo modo – secondo me – si riesce a raggiungere un equilibrio per avere una vita sana ed equilibrata.

Health & Wellness, Lifestyle

Mangiare bene: da dove partire? Intervista a Alice Dunin

Alice Dunin è una giovane Biologa Nutrizionista, amante della cucina e dell’alimentazione sana. Sul suo profilo IG Aly_nutrizione consigli di alimentazione, stile di vita sano e ricette. In questa intervista ci racconta un po’ di sè e della sua passione per l’alimentazione sana e quali sono i segreti per imparare a mangiare bene.

Quando è nata la passione per l’alimentazione?

La mia passione è nata durante il percorso universitario, studiando e approfondendo le mie conoscenze. Mi sono innamorata della carriera di Biologa Nutrizionista che cerco di svolgere nel migliore dei modi.

La mia voglia è sempre stata quella di conoscere le basi della fisiologia, biochimica e capire quali meccanismi si celano dietro un disturbo del comportamento alimentare, o come l’alimentazione influenza la nostra salute ed il nostro stato di benessere. Amo, inoltre, cucinare e sperimentare nuove ricette a partire da materie di prima qualità e ricche di nutrienti utili al nostro organismo.

Quali sono 3 cibi che ami e che ricetta ci faresti?

Ci sono tanti alimenti che mi piacciono, ma se dovessi sceglierne 3 sarebbero:

  • I legumi, in particolare i ceci, con i quali preparerei degli ottimi ceci croccanti al forno.
  • La frutta secca, in particolare noci, nocciole e mandorle. Con questi cucinerei un merluzzo in crosta di frutta secca.
  • Il pane integrale, con il quale preparerei una bruschetta con zucchine, pomodori e dadini di feta.

Da dove partire per imparare a mangiare bene?

L’educazione alimentare è un tassello molto importante. Costruire un rapporto sano con il cibo e conoscerlo è essenziale per vivere una vita in salute. Il primo passo per una corretta alimentazione è sicuramente la curiosità di sapere quello che mangiamo – per esempio partendo dal leggere le etichette degli alimenti che acquistiamo.

mangiare bene: leggi le etichette
leggere le etichette degli alimenti che compriamo è il primo passo per mangiare bene ed essere consapevoli di ciò che acquistiamo

Il secondo passo è quello di variare e non avere un’alimentazione monotona poiché ogni alimento contiene micronutrienti differenti per il benessere del nostro organismo.

Il terzo passo è infine affidarsi ad un esperto del settore, che possa indirizzare il paziente verso scelte consapevoli, accompagnandolo in un percorso formativo, volto ad acquisire conoscenze per poter muoversi in autonomia e mangiare bene.

Ci sfati 3 miti sull’alimentazione?

  1. L’idea che mangiare carboidrati di sera “faccia ingrassare” è uno dei falsi miti più classico sull’alimentazione. I carboidrati a cena fanno ingrassare solo se consumati in eccesso, come del resto, qualsiasi altro alimento.
  2. La dieta senza glutine fa dimagrire: in realtà in assenza di diagnosi di celiachia o sensibilità al glutine non esiste nessun evidenza scientifica che approvi gli effetti positivi e dimagranti di una dieta senza glutine, al contrario spesso gli alimenti senza glutine (esempio: prodotti da forno) contengono quantità più elevate di grassi.
  3. L’ananas brucia i grassi, quante volte lo avete sentito? Ricordate che nessun alimento ha il magico potere di bruciare i grassi, nemmeno l’ananas. L’ananas è un ottimo frutto, contiene la bromelina un enzima che favorisce la digestione ma non fa dimagrire, la vera perdita di massa grassa si ottiene solo attraverso una dieta equilibrata associata ad attività fisica.
mangiare bene
l’ananas brucia i grassi: un mito da sfatare

Cosa pensi delle diete fai da te?

L’errore più comune quando si inizia una dieta fai da te è quello di volere tutto subito. Per dimagrire correttamente, ci vuole pazienza, costanza e determinazione. Bisogna tenere conto di alcuni effetti negativi che le diete fai da te comportano, come quello di privare il nostro organismo di nutrienti essenziali.

Spesso infatti la prima cosa che si fa è eliminare i carboidrati, saltare i pasti o fare abbinamenti scorretti: l’umore a lungo andare ne risente e l’effetto yo-yo è dietro l’angolo. La dieta deve essere personalizzata e mirata al raggiungimento degli obiettivi richiesti, completa, varia e soprattutto equilibrata.

Come organizzare l’alimentazione se si ha poco tempo?

Un aspetto fondamentale per mangiare bene è l’organizzazione: organizzare la spesa per la settimana, scegliendo in anticipo cosa mangiare, può sembrare una cosa superflua, anche se non lo è. Creare un menù settimanale, organizzare la spesa e preparare in anticipo le preparazioni – se necessario – è fondamentale.

Un altro consiglio è di seguire la regola del piatto sano: ogni giorno variate tipologia di verdura, carboidrati, proteine per creare il piatto.

  • metà piatto occupato da verdure fresche e di stagione
  • un quarto occupato da una fonte proteica, come carne, pesce, uova, legumi, formaggi
  • un quarto occupato dai carboidrati, come patate, pane, pasta, cereali
mangiare bene
Esempio di piatto completo sano: Tofu piccantino con zucchine e riso integrale

Non dimenticate di idratarvi correttamente, prediligere cotture leggere e utilizzare una fonte di grassi come l’olio extravergine di oliva, avocado e frutta secca.

Quando non si ha tempo si può optare per l’healthy delivery food, un ottimo modo per continuare a mangiare sano con la comodità che ci sia qualcuno a cucinare per voi!

Cosa ne pensi dei servizi di healthy delivery food, come ad esempio Nutribees?

Penso siano comodi e un bene per la popolazione, poichè permettono – anche a chi non ha tempo o voglia di dilettarsi ai fornelli – di mangiare sano consumando pasti equilibrati e bilanciati, a base di alimenti freschi e ricchi di nutrienti utili al nostro organismo.

Dove possono trovarti e contattarti i nostri clienti?

Potete contattarmi via alla mia email dunin.nutrizionista@libero.it e seguirmi sul mio profilo instagram aly_nutrizione, dove pubblico ricette, contenuti sull’alimentazione, informazioni e tanto altro!

Health & Wellness, Lifestyle

Merenda sana: cosa mangiare quando si è a dieta?

Sei a dieta e una delle domande che più ti fai è cosa mangiare a merenda? Spesso è difficile trovare idee per una merenda sana – che tolga la fame e allo stesso tempo ti soddisfi. Cadere in spuntini poco salutari, infatti, è piuttosto semplice. Come riconoscere gli ingredienti giusti per una merenda sana, evitando cibi altamente calorici che non saziano neanche? In realtà esistono tantissimi alimenti, perfetti per spuntini veloci e salutarti. Scopriamo insieme cosa mangiare per merenda quando si è a dieta.

merenda sana
La barretta di cereali e frutta è un’ottima soluzione per una merenda sana

Merenda sana: gli errori da non fare

Prima di scoprire alcune idee sfiziose per la merenda sana a dieta e gli ingredienti perfetti da consumare, vediamo quali sono gli errori comuni da evitare.

  • Non saltare lo spuntino: saltare i pasti non è mai un buon modo per mantenersi in linea. Cerca di non saltare mai la merenda, che fornisce energia all’organismo, necessaria per svolgere al meglio le attività della giornata.
  • La merenda non è un pasto principale: sappiamo tutti che durante il pomeriggio lo stomaco inizia a borbottare. L’errore da non commettere è quello di mangiare una quantità troppo elevata di cibo, quasi da eguagliare un pasto principale. La merenda rimane una merenda: cerca di rimanere sempre su spuntini di circa 150/250 calorie.
  • Spuntini monotoni: il segreto per una dieta sana e costante è la varietà. Cerca di variare anche a merenda le fonti dei cibi; in questo modo il tuo occhio e la tua pancia saranno sempre appagati e non rischierai di cadere in cibi spazzatura o merende malsane.
  • Evita prodotti ricchi di sale e di zuccheri: durante la dieta, il consumo di sale e di zucchero va limitato. Durante le tue merende preferisci alimenti freschi e genuini, preferibilmente non lavorati; evita quindi cibi confezionati, come patatine e merendine, sempre ricchissimi di sale e zucchero.
merenda sana
Evita prodotti confezionati come le patatine e prediligi ingredienti freschi e sani

Cosa mangiare per merenda: gli ingredienti

  • Uno degli ingredienti migliori da utilizzare durante le merende è sicuramente la verdura; se utilizzata cruda, la verdura è uno spezza-fame ottimo nei momenti di merenda.
  • Frutta: parlando di merenda sana, non si può che citare la frutta. Puoi scegliere tu come preferisci utilizzarla: scegli tra frutta fresca, frullati, centrifughe, spremute, frutta essiccata e mousse. Scegli sempre frutta di stagione, ricca di proprietà nutritive e vitamine.
merenda sana
Smoothies di frutta e centrifugati
  • Yogurt: prediligi quello magro, greco o kefir – evitando quelli confezionati pieni di zuccheri. Se vuoi fare una merenda completa, aggiungi allo yogurt una manciata di granola, muesli o frutta secca.
  • Frutta secca: ha un potere calorico importante, ma è perfetta per merende e spuntini. La frutta secca fornisce tantissima energia ed è ricca di sali minerali, antiossidanti, grassi buoni e proteine. Ricordarti di non superare i 10/15 grammi.
  • Barrette: anche le barrette di cereali con frutta e frutta secca sono un’ottima idea per una merenda sana e veloce. Puoi prepararle in casa, mischiando avena tostata o riso soffiato, frutta e frutta secca.
  • Pop corn: il mais è un ottimo alimento per la merenda. Pensa che con solo 25g di chicchi, puoi ottenere 120 grammi di pop corn. Preparali in pentola con un filo d’olio di semi…. bandito il burro!
merenda sana: pop corn
I pop corn possono essere una merenda sana
  • Cioccolato: ottimo per la merenda, ma preferiscilo fondente – dal 70% in su. Ricordati che il cioccolato è sempre un alimento estremamente calorico e ricco di grassi, quindi occhio alla quantità: qualche quadratino sarà più che sufficiente!

Se non hai tempo di preparare le tue merende o non sai cucinare, puoi ordinare tantissimi snack sani sul sito di Nutribees. Dopo aver selezionato i piatti che vuoi ordinare dal menù, puoi aggiungere barrette, yogurt, cereali e tanti altri snack sfiziosi nella tua area personale!

Ordina Ora

Health & Wellness, Lifestyle

Cibi per dieta: 10 cibi che aiutano a rimanere in forma

Per rimanere in forma sappiamo ormai che non esistono miracoli: no alle diete magiche e drastiche, no a rimedi strani, diete del ghiaccio e detox stressanti. Tuttavia, esistono alcuni cibi per dieta che aiutano l’organismo a rimanere in forma. Attenzione, non stiamo parlando di cibi che fanno dimagrire, ma contribuiscono ad aumentare la possibilità di riuscita – grazie ad esempio a vitamine, fibre, amminoacidi, accelerando il metabolismo. Vediamo quindi 10 cibi per dieta, che aiutano a rimanere in linea.

Cibi per dieta: alcuni accorgimenti sullo stile di vita

Prima di parlare dei 10 cibi per rimanere in forma, è bene dare alcuni accorgimenti sullo stile di vita. Ricordati di seguire un’alimentazione equilibrata in generale, facendo pasti completi e bilanciati: cerca di seguire le regole della dieta mediterranea e della piramide alimentare, inserendo in ogni tuo pasto tutti i macronutrienti necessari per l’organismo.

10 cibi per dieta: regola del piatto sano
Un piatto sano è composto da carboidrati, proteine, grassi e fibre

Quindi una porzione di carboidrati – meglio se integrali – proteine, grassi buoni e fibre. Se vuoi seguire una dieta sana e bilanciata, puoi compilare il nostro test nutrizionale gratuito. Inserendo alcuni tuoi dati e gli obiettivi che vuoi raggiungere, ti verranno date le indicazioni necessarie e alcuni piatti, per rimanere in forma.

TEST GRATUITO

Oltre ad un’alimentazione bilanciata, il secondo consiglio è quello di seguire un’attività fisica moderata. Cerca di non condurre una vita troppo sedentaria – non fa bene né al corpo, né all’umore. Camminare almeno 30 minuti al giorno aiuta a mantenere attivo il corpo e il peso sotto controllo. Riguardo l’allenamento invece, cerca di variare la scelta tra allenamenti anaerobici e aerobici. Dedica almeno un allenamento all’utilizzo di pesi – che aiutano a definire i muscoli e ad aumentare la massa muscolare.

10 cibi per dieta: attività fisica è importante
L’attività fisica è importante per rimanere in forma

Terzo e ultimo consiglio, ma non per importanza: bevi molta acqua. Bere acqua regala senso di sazietà e aiuta il buon funzionamento del metabolismo. Regola la salute dei reni, migliora la digestione ed osteggia la stitichezza. Cerca di bere almeno 1,5 lt di acqua al giorno per mantenere l’organismo sano e in forma.

10 cibi per stare in forma

  • avena e farina d’avena: ricca di fibre, è saziante e con un bassissimo indice glicemico. L’avena aiuta a regolare l’intestino e riduce l’assorbimento di zuccheri nel sangue
  • verdure non amidacee: le verdure sono gli alimenti con meno calorie tra tutti. In particolare, quelle che contengono meno amido sono più leggere e aiutano a rimanere in forma. Sì ad asparagi, zucchine, broccoli, fagiolini, cetrioli, spinaci.
  • mele: come si dice “una mela al giorno, toglie il medico di torno”. Sono un frutto ricco di fibre, capace di ridurre la fame grazie al potere saziante. Le mele sono uno spuntino croccante perfetto per rimanere in forma; se acquistate biologiche, è perfetto consumarle con la buccia e godere delle sue ricche proprietà benefiche.
  • peperoncino: è un alimento perfetto per rimanere in linea grazie alla capsaicina, che accelera il tasso metabolico influendo sul battito cardiaco.
  • papaya: non è molto conosciuto, in quanto frutto tropicale ma aiuta a tenere il colesterolo a bada e ad alleviare problemi di intestino. Regolarizza la digestione.
  • semi di chia: sono un alimento dall’altissimo potere saziante. Infatti, a contatto con un liquido è capace di aumentare tantissimo il suo volume, ingannando quindi l’appetito.
  • zenzero: digestivo, drenante e antinfiammatorio. Questa radice aiuta ad accelerare il metabolismo e a pulire l’intestino.
  • pesce: un alimento ricco di proteine e di acidi grassi, che aiutano nel processo di dimagrimento,
  • legumi: un alimento completo di carboidrati, fibre e proteine. Sono ricchi di sostanze nutritive, in grado di mantenere il corpo in salute e carico di energia.
  • latticini: prediligi quelli magri come la ricotta, i fiocchi di latte e lo yogurt greco. I latticini forniscono al corpo proteine e calcio, con un apporto di grassi basso.

Nutribees ogni settimana offre in menù più di 40 ricette con ingredienti sani e freschi, che aiutano a rimanere in forma. Scopri il menù e prova tantissimi abbinamenti gustosi e gourmet, ma sani e bilanciati.

Ordina Ora