Category

Lifestyle

Health & Wellness, Lifestyle, Trends

Summer Selection: come mangiar sano in estate

Con l’arrivo del caldo siamo in cerca di cibi gustosi da mangiare in estate, che siano allo stesso tempo sani e leggeri. Tra il lavoro e i mille impegni non sempre è facile seguire un’alimentazione sana. Noi di Nutribees abbiamo lanciato una linea di piatti in collaborazione con la Dottoressa Francesca De Blasio. La Summer Selection è una linea di ricette perfette per tornare in forma in estate. In questa intervista parleremo con la nutrizionista Francesca De Blasio della scelta dei piatti e di quali siano i segreti per una corretta alimentazione estiva.

Ciao Francesca, ti presenteresti a chi ci legge in poche parole?

Sono Francesca de Blasio ed esercito la professione di Biologa Nutrizionista occupandomi di valutazione nutrizionale ed elaborazione dietetica personalizzata.

Francesca de Blasio, nutrizionista della Summer Selection
Dottoressa Francesca De Blasio


Laureata triennale e magistrale in Biologia della Nutrizione presso l’Università Federico II di Napoli, proseguendo poi gli studi con il
titolo di Dottore di Ricerca in Sanità Pubblica e Medicina Preventiva. Attualmente vivo a Torino dove svolgo attività di libero-professionista in ambito dietetico presso il mio studio privato.

Quanto è importante bilanciare la propria alimentazione in estate?

Un’ adeguata alimentazione tutto l’anno è indispensabile per garantire il mantenimento dell’organismo in buona salute. Durante i periodi più caldi, per far fronte al rischio di disidratazione e di cali di pressione, è importante prestare particolare attenzione all’apporto di acqua e sali minerali. Nei mesi estivi, teniamoci lontani da cibi troppo salati o troppo grassi che, di contro, possono contribuire ad appesantirci e a sentirci spossati.

Cosa non bisogna fare assolutamente?

Spesso, con l’obiettivo di tornare in forma rapidamente in vista della prova costume si ricorre a diete fai da te, a schemi dalla dubbia scientificità recuperati da internet (la dieta del melone o quella del cetriolo) o a diete drasticamente ipocaloriche. Ma attenzione: una sana e duratura perdita di peso richiede tempo e la consapevolezza che quello che mangiamo oggi influenza la nostra salute (non solo il nostro peso) domani.

In cosa consiste la Summer Selection di Nutribees?

La Summer Selection è un’iniziativa di Nutribees che mette a disposizione per la stagione estiva una raccolta di ricette bilanciate e leggere per prepararsi alle vacanze in modo semplice, mangiando equilibrato, ma soprattutto gustoso. Ho personalmente selezionato le ricette che meglio rispondevano ai criteri di adeguatezza nutrizionale di un piatto sano e completo, che incontrassero diversi gusti le necessità, con primi e secondi di carne e di pesce e opzioni vegetariane e vegane.

Ordina Ora

In base a quali criteri hai scelto i piatti della Summer Selection?

Personalmente, ho ritenuto opportuno dare preferenza ai piatti che avessero un moderato apporto calorico e di grassi, un medio/ elevato apporto proteico e un elevato apporto di fibra, in modo da garantire la completezza dei nutrienti e un elevato senso di sazietà, elementi alla base di un’alimentazione sana e sostenibile nel tempo, contrariamente alle diete “lampo”, troppo restrittive, di cui sentiamo tanto parlare con l’arrivo dell’estate.

summer selection
Fregola sarda ai frutti di mare è uno dei piatti della Summer Selection

Daresti qualche consiglio non scontato a chi non sa regolare la propria alimentazione in questo periodo dell’anno?

Innanzitutto mi sento di mettere in guardia da proposte di diete lampo, quelle che promettono di perdere 7 kg in 7 giorni. Purtroppo, non esistono scorciatoie e la consulenza specialistica di un Nutrizionista abilitato (biologo o medico) è fondamentale. Esistono tuttavia alcune regole di base che possono aiutarci nel percorso a raggiungere prima i nostri obiettivi:

  • Evita snack salati (patatine, noccioline, grissini)
  • Preferisci merende a base di frutta fresca o yogurt magro(preferibilmente bianco al naturale)
  • Limita il consumo di gelati, ghiaccioli e granite al massimo auna o due porzioni piccole alla settimana
  • Bevi almeno 2 L al giorno 
  • Non trascurare l’attività fisica, preferendo le ore più fresche della giornata

Quali sono infine gli alimenti che non devono mai mancare a tavola?

La frutta e la verdura sono alimenti che non possono e non devono mancare sulle nostre tavole, quando la richiesta di acqua e sali minerali si fa ancora più impellente. Non dimentichiamoci inoltre dei legumi, spesso additati come alimenti “invernali”. Al contrario, i legumi rappresentano una fonte proteica perfetta per la stagione estiva: leggeri, sazianti, ricchi di potassio e magnesio, ingredienti ideali per comporre delle colorate insalate insieme a cereali e a verdure di stagione!

Health & Wellness, Lifestyle

Dieta Eutirox: cosa mangiare per chi assume levotiroxina

La tiroide è una ghiandola, produttrice di ormoni, importantissima per la funzionalità del nostro organismo. In alcuni casi la tiroide fatica a produrre le iodotironine, determinando un disordine definito ipotiroidismo. L’ipotiroidismo è trattato con farmaci come la levotiroxina o eutirox e con una alimentazione adeguata, in grado di aiutare il funzionamento della ghiandola. Scopriamo insieme cosa mangiare e cosa evitare per costruire una dieta per chi assume eutirox.

L’importanza dello iodio e altri minerali

Lo iodio è un microelemento essenziale per il funzionamento della ghiandola tiroidea. L’apporto alimentare del minerale è perciò cruciale per evitare disfunzioni come l’ipotiroidismo. Secondo molti medici non esiste una vera e propria dieta per chi assume eutirox, tuttavia ci sono tantissimi alimenti che possono aiutare la corretta funzione della ghiandola.

Oltre allo iodio, infatti, chi soffre di patologie tiroidee necessita di un buon apporto di selenio, che entra in gioco in diversi processi enzimatici del metabolismo della tiroide. Oltre al selenio sono importanti anche ferro e zinco. La carenza di ferro può condizionare in maniera negativa la funzione dell’organo, determinando scarsa ossigenazione.

Dieta eutirox: come si assume la levotiroxina?

Prima di scoprire quali sono gli alimenti che aiutano la funzionalità della tiroide e quali è meglio evitare, è importante capire come va assunto l’Eutirox o i farmaci a base di levotiroxina. L’assunzione di levotiroxina contemporaneamente al cibo potrebbe limitare il giusto assorbimento del principio attivo. Si raccomanda quindi di assumere Eutirox dai 15 fino ai 60 minuti prima della colazione.

Cosa mangiare e cosa evitare

Sappiamo bene quanto una dieta sana e bilanciata aiuti il corpo a rimanere in forma. Quando si incorre in patologie come l’ipotiroidismo inoltre è importante capire quali sono i cibi consigliati e quali quelli da evitare.

In una dieta per chi assume eutirox sono da evitare cibi come:

  • soia
  • alghe essiccate
  • caffè (blocca l’assorbimento di levotiroxina)
  • alcolici
  • cereali ricchi di glutine
  • verdure crucifere come broccoli, cavolfiori, cavolini di Bruxelles, rape, verza e rucola
dieta per eutirox
L’assunzione eccessiva di soia e prodotti a base di soia potrebbero rallentare il corretto funzionamento della tiroide

I cibi SI’

Gli alimenti che aiutano il funzionamento della tiroide sono – come detto prima – quelli ricchi di iodio. Via libera al pesce azzurro, sardine, sgombri, salmone e merluzzo. Sono ottimi anche le uova, i latticini e la carne, legumi, semi oleosi e frutta secca.

dieta per eutirox
Sgombro e legumi sono due alimenti che aiutano chi soffre di patologie alla tiroide

Se vuoi seguire una dieta sana e bilanciata, evitando gli alimenti che intaccano il funzionamento della tiroide, puoi compilare il test nutrizionale di Nutribees completamente gratuito. Inserendo i tuoi dati, patologie ed eventuali intolleranze, ti verranno consigliate le ricette più adatte alle tue esigenze.

TEST GRATUITO

Scopri il menù di Nutribees, che offre un’ampia selezione di piatti ogni settimana con ingredienti freschi e genuini.

Ordina Ora

Health & Wellness, Lifestyle

NEAT – Cos’è e come aumentare il dispendio calorico

Il NEAT può tradursi senza dubbio in un modo efficace per migliorare e velocizzare il nostro metabolismo.

Il nostro metabolismo è sempre al lavoro, impegnato a bruciare le nostre energie. Durante i periodi in cui soffriamo maggiore stress, il nostro corpo tende a bruciare più calorie rispetto a quando siamo invece più rilassati. 

Nell’arco della giornata, tuttavia, il nostro organismo consuma energia in diversi modi:

1. Attraverso l’attività fisica;

2. Attraverso il metabolismo basale;

3. Grazie al NEAT.

Quest’ultimo acronimo deriva dall’inglese, e sta per: Non Exercise Activity Thermogenesis. Un concetto che apparentemente può sembrare complesso ma che in realtà indica semplicemente le calorie consumate nell’arco della giornata facendo movimento ma senza praticare sport. 

In italiano, NEAT viene tradotto con “Termogenesi non indotta dall’attività fisica” e, essenzialmente, comprende tutti quei movimenti involontari o volontari che facciamo abitualmente durante il giorno.

Ogni movimento conta.

Tra i movimenti involontari includiamo tutte le azioni che compiamo senza pensarci: gesticolare mentre si parla o muovere la gamba sotto al tavolo durante una riunione, ad esempio.

I movimenti volontari, invece, sono quei gesti che noi scegliamo consapevolmente di compiere: allungare il tragitto da casa all’ufficio, saltare una fermata di autobus per fare un tratto di strada a piedi, prendere le scale al posto dell’ascensore ma anche fare la spesa e cucinare. 

Fare le scale quando se ne ha la possibilità aiuta a bruciare calorie e aumenta il NEAT.

A differenza del metabolismo basale, che è un valore abbastanza fisso, il NEAT dipende da quanto ci muoviamo durante il giorno. È quindi impossibile calcolarlo con una formula o attribuirgli un valore statico. Età, sesso, forma fisica e salute sono altri fattori (molto personali) che contribuiscono al dispendio quotidiano di energie e che, pertanto, influenzano il dispendio calorico.

Come aumentare la percentuale di NEAT?

È questo il principio su cui si basa il NEAT. Ogni movimento, seppur piccolo e insignificante, trova una sua importanza nel complesso e può aumentare in modo significativo le calorie bruciate con il NEAT.

Ecco qualche piccolo consiglio utile e facile da seguire per aumentare il dispendio calorico:

1. Evitare la macchina o i mezzi pubblici:

Consiglio sicuramente più gettonato ma anche più facile da mettere in pratica: dimentichiamoci delle macchine e sforziamoci di raggiungere le nostre mete quotidiane, dove possibile, a piedi.  Se proprio non possiamo fare a meno dei motori, un consiglio potrebbe essere parcheggiare la macchina più lontano rispetto al solito oppure scendere una fermata prima e recuperare camminando.

Camminare per raggiungere le nostre mete quotidiane.

2. Non sedersi!

Se proprio non possiamo rinunciare ai mezzi pubblici, un consiglio per ottimizzare e favorire il NEAT è quello di stare in piedi. Rispetto a quando ci sediamo, infatti, il nostro dispendio energetico è più elevato e la quantità di calorie bruciate grazie al NEAT sarà maggiore. 

Stare in piedi sui mezzi pubblici invece di sedersi aiuta a aumentare il NEAT.

3. Fare le scale:

Altro grande evergreen nonché ottima buona abitudine che non sarebbe male avere. Salire le scale che incontriamo durante la nostra giornata consente di effettuare un efficace workout che coinvolge i nostri glutei e i polpacci.

4. Portare le borse della spesa a mano:

Dicevamo che anche fare la spesa può essere un ottimo modo di bruciare calorie, e infatti! Portare le borse della spesa è un allenamento gratuito che non sottrae tempo ad altri impegni.

Scopri qui 10 cibi che aiutano a rimanere in forma e che puoi integrare all’interno della tua routine alimentare!

Portare a mano le borse della spesa.

5. Intrattenersi camminando:

Ti capita di dover aspettare perché devi prendere l’autobus, la persona con cui hai un appuntamento è in ritardo oppure sei tu un anticipo? In questi casi, fai un giro invece di sederti. Inoltre il movimento all’aria aperta è piacevole per occhi e testa che hanno bisogno di una pausa dallo schermo.

L’aumento del NEAT non deve intendersi come sostituto di una attività fisica ben strutturata, ma potrebbe essere uno strumento in più anche insegnarci ad adottare alcune ottime abitudini che possono migliorare il nostro stile di vita.

Health & Wellness, Lifestyle

Dieta per ipertensione: I consigli della nutrizionista

L’ipertensione sanguigna è una patologia che comporta l’aumento della pressione sanguigna con conseguenti valori oltre la norma. Questa patologia colpisce mediamente il 33% di uomini e il 31% di donne ed è uno dei campanelli di allarme per ulteriori patologie cardiovascolari, renali e della sindrome metabolica. Per correggere i valori della pressione sanguigna sono necessarie alcune accortezze, partendo sicuramente dallo stile di vita e dalle abitudini alimentari. Abbiamo quindi chiesto alla nutrizionista Lara Lanuzza se esiste una dieta per ipertensione e aiutarci a definirne gli alimenti migliori. Qui sotto trovi l’intervista dedicata.

Dieta per ipertensione: le risposte della nutrizionista

Ciao Lara, quanto è importante l’alimentazione per chi soffre di ipertensione?

Importantissima. La scelta corretta degli alimenti e la dietoterapia possono prevenire l’insorgenza di tutta una vasta gamma di patologie e, in combinazione con la medicina, hanno il potere di migliorare tali condizioni e nei casi meno gravi, portarne la risoluzione.

Solitamente quando si parla di ipertensione la prima cosa che viene menzionata è il sale. C’è veramente una connessione così stretta tra il consumo di sale e l’ipertensione?

Sebbene siano state identificate alcune forme di ipertensione arteriosa su base genetica, nella maggior parte dei casi tra le cause principali della sua insorgenza troviamo proprio uno stile di vita scorretto e un’alimentazione non sana. Il sale è sicuramente uno degli alimenti incriminati ma occorre sempre capire che tipo di alimentazione conduce il soggetto. Se ad esempio soffro di ipertensione ma la mia dieta è già priva di sale, non sarà certo il responsabile della mia condizione. Se invece sono iperteso e la mia dieta prevede un utilizzo del sale sopra i quantitativi raccomandati (5g/die), dovrò necessariamente ridurlo, facendo attenzione anche a quello presente negli alimenti (ad es. cibi confezionati, carni pre lavorate, insaccati, snack, ecc.) e non solo a quello “aggiunto”.

Il consumo di sale è importante per il nostro corpo, ma attento a non eccedere. La dose raccomandata è di non oltre 5g al giorno

Esistono dei trucchi per ridurre il consumo di sale, senza rinunciare ai gusti saporiti?

Assolutamente si. Si possono utilizzare le spezie e tecniche di marinatura a crudo degli alimenti. In questo modo, potremmo diminuire di molto o addirittura evitare l’aggiunta di sale senza rinunciare al gusto.

Quali sono i consigli che daresti a una persona che soffre di ipertensione e deve migliorare la sua alimentazione?

Di fare attenzione alla scelta degli alimenti e al loro accoppiamento. Non scordiamo che per tenere a bada la pressione, è importante, oltre alla dietoterapia, fare movimento, limitare l’assunzione di alcolici e non fumare

Un altro minerale che gioca un ruolo importante nella cura dell’ipertensione è il potassio. In che termini? Ci spiegheresti meglio?

Certamente. Il potassio è un minerale che interviene nella regolazione del processo di contrazione muscolare. Le fibre muscolari, oltre che nei grandi muscoli del nostro corpo (compreso il cuore), si trovano anche nella parete dei vasi sanguigni; molti studi hanno ormai dimostrato un effetto protettivo delle diete ricche di potassio proprio nei confronti dell’apparato cardiocircolatorio. Aumentare quindi l’assunzione giornaliera di tale minerale è fortemente consigliato nei soggetti ipertesi.

Che tipo di approccio alimentare è consigliato quindi per un iperteso? 

L’ Università di Harvard, anni fa, ha elaborato un protocollo alimentare chiamato “dieta Dash” (Dietary Approaches to Stop Hypertension). Si tratta di un modello finalizzato a ridurre molteplici fattori di rischio cardiovascolare, tra cui l’ipertensione arteriosa. Prevede l’utilizzo di cereali integrali, frutta e verdura, proteine nobili, latticini scremati e un ridotto quantitativo di grassi, alcool, zuccheri aggiunti e sodio. In Italia, abbiamo il corrispettivo della dieta Dash: la dieta Mediterranea che si basa sull’utilizzo degli alimenti della nostra Terra, scelti sulla base della loro stagionalità. Il protocollo mediterraneo per il trattamento dell’ipertensione è molto simile a quello di Harvar con qualche limitazione in meno relativa alle tipologia di grassi utilizzati e al consumo di vino (preferibilmente rosso) a pasto. Entrambi i protocolli sono validi e approvati scientificamente per contrastare l’ipertensione arteriosa e, per essere efficaci, vanno necessariamente associati a un cambiamento generale dello stile di vita, abbandonando le “cattive abitudini” come ad esempio la sedentarietà, il consumo di alcolici e il fumo. 

La dieta mediterranea è la tua miglior alleata
per fronteggiare patologie come l’ipertensione arteriosa

Se vuoi seguire un’alimentazione sana e bilanciata ma non sai da dove partire puoi compilare il test nutrizionale gratuito di Nutribees. Inserendo i dati sulla tua condizione fisica, intolleranze, patologie e obiettivi da raggiungere, ti verranno consigliati i piatti più adatti alla tua alimentazione. Tutti i nostri piatti sono basati sulla dieta mediterranea e la regola del piatto, utilizzando ingredienti freschi e di qualità.

TEST GRATUITO

Se vuoi contattare la nutrizionista Lara Lanuzza puoi contattarla al suo indirizzo email lara.lanuzza@libero.it o consultando il profilo IG dott.ssa_lara_lanuzza

Health & Wellness, Lifestyle

Lunch break can boost your productivity. How?

Five ways to make the most out of your lunch break.

You may look productive when you work through your lunch, but studies have found you’re anything but. In fact, working through your lunch break is one of the least productive things you can do.

Think you’re too busy to take a break? Think twice. Allowing your brain to switch off gives it a chance to re-energize. And when you return to work you will get more done than you would have without taking the rest.

All breaks from work are useful, but here are five tips to get your productivity rates increasing.

Tip #1: Eat mindfully

Nomen omen, as Latins would say. A lunch break should be for eating lunch. Yet, many people are eating hurriedly, unhealthily, or not eating at all. And since nutrition and productivity are linked, those could be a problem.

Mindful eating is essentially eating with a focus on what you are putting in your mouth and it allows us to decrease stress. It also helps encourage us to eat healthily, which in turn makes us fitter, smarter, and happier.

If you want to know more, here you can find some easy tips to improve your food habits.

Tip #2: Socialize

Being around other people makes us happy and improves our physical well-being. Spending your lunch break socializing can give you the push you need to make it through the afternoon’s work.

Coordinating your schedule with your bf or family would be great, since you’d spend your lunch break catching up and chatting. 

a group of friends enjoying a cup of coffee while chatting.
A cup of coffee with friends before getting back to work.

We know COVID-19 has messed things up and now meeting is no longer so easy. But if being physically together isn’t possible, technology comes and saves you.

Alternatively, you can spend that time with your colleagues. Workplace socializing is good for business because it builds relationships and encourages teamwork. Try to get out of the office and make sure to avoid business chat: otherwise it’ll feel like an extension of work.

Tip #3: Exercise

As many of you may know, the mental benefits of exercises are overwhelming. Why don’t you use your lunch-hour to make use of them? It will boost your energy, apart from making you feel 

You don’t have to do some sort of extreme stuff: a walk outside your house or office would be enough since it allows you to stretch and breathe some fresh air (apart from making you looking away from the screen for more than one sec).

A girl stretching
Stretch yourself

Tip #4: Make plans

Having something to look forward to has a powerful psychological effect on our happiness, especially during these difficult times when even the smallest surprise looks like a huge event. 

Use your lunchtime to plan something exciting. It could be a weekend away, dinner with your best friends, or even just a night in with a film you’ve always wanted to see.

Your plans will put you in a good mood for the rest of the day, plus arranging something nice for the evening will motivate you to power through your workload so to get home and enjoy your treat!

Tip #5: Escape mentally

The work bubble and its frenetic rhythm can leave us stressed. Spend your lunch breaks getting away from it all by reading a book, listening to an engaging podcast, or watching an interesting TV program. Focusing on different subjects will let you to get back to work relaxed and with a fresh perspective.

Listening to an engaging podcast among the different things you can do in your break.
Learning something new, why not?

Whatever you prefer, make sure you enjoy it away from your desk. Changing up our location allows us to switch off from work.

To us at NutriBees, lunch breaks are fundamental. And that’s the reason why we put so much effort into trying to prepare ready-to-eat, healthy and fresh meals which could be deliver right at your doorstep. We think the best part is that our meals allow you to: save time, eat healthier and try different food.

What are you waiting for? Give us a try! 😉

Health & Wellness, Lifestyle

Dieta fegato grasso: cosa mangiare e quali cibi evitare

La steatosi epatica è comunemente chiamata in gergo patologia del fegato grasso. Associata a questa patologia insorgono svariati disturbi, come il diabete, la sindrome metabolica e l’ipertensione. Uno dei rimedi per contrastarla è sicuramente curare l’alimentazione: cosa mangiare e quali cibi invece evitare per far fronte a questo problema? In questo articolo proviamo a definire una dieta per fegato grasso.

Fegato grasso: cause e sintomi

Prima di andare a definire una dieta per fegato grasso, è bene evidenziare qualcosa in più di questa patologia, come cause e sintomi.

Come tutti sappiamo, il fegato svolge il ruolo di smistamento e sintesi dei grassi. Quando l’organo è in sovraccarico, il suo metabolismo subisce un accumulo di trigliceridi: se il contenuto lipidico del fegato arriva oltre il 5% del suo peso, si riscontra la sindrome di steatosi epatica.

Le cause possono essere molteplici e svariate, come

  • diabete
  • obesità
  • alimentazione squilibrata
  • consumo eccessivo di alcol
  • anemia
  • digiuno
fegato grasso
Alcolismo è una delle cause più comuni per fegato grasso

Le persone che rischiano di incorrere in questa patologia sono sicuramente le persone in sovrappeso e obese, che presentano un elevato grasso addominale viscerale. Circa il 20/40% della popolazione adulta in Italia soffre di fegato grasso – spesso senza accorgersene, in quanto la sindrome non produce sintomi. La diagnosi avviene tramite esami del sangue, ecografia, TAC o risonanza magnetica.

Fegato grasso: si cura a tavola

Come tantissime altre patologie il fegato grasso si cura principalmente a tavola. Gli elementi, infatti, da non sottovalutare se si vuole migliorare la propria condizione sono

  • la cura dell’alimentazione
  • un’attività fisica regolare

Per dieta per fegato grasso si intende un’alimentazione depurativa e dimagrante: come abbiamo detto poco sopra, il fegato grasso è spesso associato all’obesità. Per questo, la perdita di peso aiuterà il fisico a normalizzare i livelli degli enzimi epatici, alterati in caso di steatosi epatica.

I macronutrienti in una dieta per fegato grasso vengono suddivisi solitamente in

  • grassi al di sotto del 30% del fabbisogno quotidiano
  • carboidrati tra il 40/50%, cercando di evitare del tutto gli zuccheri aggiunti e semplici, come il fruttosio.
  • la restante parte deriva da proteine e fibre

L’alimentazione efficace a combattere il fegato grasso è una dieta ricca di frutta e verdura, di carboidrati ricchi di fibre – quindi cereali integrali e legumi. Per le fonti grasse, l’olio extra vergine d’oliva è il condimento da prediligere.

Non sono consentiti

  • superalcolici e alcolici
  • bevande zuccherate e succhi di frutta
  • zucchero bianco o di canna
  • marmellate e miele
  • frutta sciroppata
  • dolci
  • prodotti da forno
  • cibi fast food
  • grassi animali, come burro, strutto e panna
  • frattaglie
  • salse
  • insaccati

Sono invece consigliati gli alimenti come

  • pesce, soprattutto quello ricco di omega3.
  • verdura abbondante: carciofi, cicoria, peperoni verdi e lattuga hanno un azione depurativa sul fegato. Da evitare i funghi, in quanto contengono sostanze che affaticano la digestione del fegato.
  • frutta, evitando quella più zuccherina – come uva, banane, fichi, cachi.
  • carboidrati integrali.
  • latte e yogurt poveri di grassi.
  • carne bianca e rossa.
  • legumi.

Se vuoi seguire un’alimentazione sana e bilanciata, ma non hai voglia o tempo di cucinare, puoi provare Nutribees. Questo servizio di healthy delivery food consegna pasti pronti e bilanciati in tutta Italia.

Ordina Ora

I piatti sono preparati secondo le regole della dieta mediterranea e possono essere scelti tramite la compilazione di un test nutrizionale gratuito: compilando alcuni dati sulla tua condizione fisica e sui tuoi obiettivi a tema alimentazione, ti verranno consigliate le ricette più adatte alle tue esigenze.

TEST GRATUITO

Health & Wellness, Lifestyle

Food habits: 5 tips to get ‘em back on track.

The COVID-19 pandemic has changed a lot of things: schedules, the amount of time spent at home, stress levels, and — for a lot of people — food habits. For some of us, these changes have not been for the better. If you fall into this category, you may be struggling to get back on track. What can you do to get your food habits back on track?

Changing (or improving) the habits you’ve been having since ever, let’s be honest, can be a tough challenge to win. However, summer is close and even if holidays this year might not be as exciting as two years ago, feeling comfortable is equally important.

In this article, we focus on five simple strategies to help you meet your (nutritional) goals.

1. Listen to your body

When the afternoon rolls around, it’s tempting to seek out the bowl of candies, but is it hunger calling or just boredom? Often, people mistake thirst for hunger, so have that glass of water first and then reassess how you’re feeling. Ask yourself, “What are you in the mood for?” and “Is your body hungry?” Noticing your body’s reactions to these questions will help to keep you in touch with your body’s hunger levels. Instead of continuing to eat food to the point of feeling overstuffed, you’ll learn to recognize when your body is satisfied.

2. Balance is key

Everything boils down to balance, at the end of the day. Having a well-balanced routine is a goal everyone should aspire to achieve. In doing so, a starting point might be snacks. Snacking, like most food-based decisions, is about making smart choices. So, let’s snack smartly! Eating a handful of unsalted seeds and nuts (such as hazelnuts, almonds or pistachios) can’t hurt because they contain heart-healthy fats. This could totally be a good strategy that can help you avoid junk food and other no-sense stuff but, at the same time, provides you a healthy option for your breaks. A balanced diet starts (also) there, so let’s take this first step!

3. Don’t feel guilty about your guilty pleasure

Food is a pleasure and, for some people, it’s the greatest pleasure of all. Many of us rely on food after a bad day or when we don’t feel at our best. Everybody knows the huge (emotional)power of sharing a pizza with your best friends or going for your favorite aperitivoafter a horrific day at office. For these reasons, we ain’t implying one should eliminate his/her own guilty pleasures from the list. Nevertheless, the important thing is that our guilty pleasure must be an exception, a small part of an eating routine that’s otherwise well-balanced. Which is to say, one can probably afford to give in a guilty pleasure without any guilt. If it gives you pleasure and doesn’t kill you, bring it on!

A group of friends enjoying a large pizza.
What else?

4. Find an ally!

We know sometimes cooking isn’t the most enjoyable thing to do. You might not have time to prepare a healthy dinner or you might not have any clue about (healthy) cooking. In this sense, our service could be the best answer to your needs. At Nutribees we know how hard changing habits you’ve been following since ever can be. We deliver you our ready-to-eat healthy and balanced meals right at your doorstep, allowing you to save your (precious) time and offering only balanced meals and high quality products. Improving your eating habits has never been so easy. Read this article to find out more about our service!

Nutribees is a good way to change your food habits.
Made with love, for you.

5. Change your mindset

You don’t need your diet to last forever. You need a goal you know you can reach. In order to see some concrete results, apart from trying to include more veggies in your diet or to avoid junk food, you should also consider doing some physical activity. I’m not talking about some serious hardcore stuff, don’t worry!

On the other hand, it’s important to realize that changing just your food habits might not be the only key. To live a balanced life, you also need to change your daily habits. Taking the stairs instead of the elevator, for example. If possible, walk or cycle to work. Take a long walk.

Eat healthy and live healthier.

Health & Wellness, Lifestyle

Dieta ritenzione idrica: cosa mangiare per sconfiggerla

Sta arrivando il caldo, l’estate è sempre più vicina e tante persone iniziano a mettersi in forma per la prova costume. Spesso uno dei grandi nemici della prova costume, soprattutto per le donne, è la ritenzione idrica. Esiste un modo per sconfiggerla grazie ad alimentazione e allenamento? In questo articolo scopriamo in cosa consiste questo disturbo e cosa mangiare in una dieta contro la ritenzione idrica.

Cos’è la ritenzione idrica?

A differenza di quello che pensano in molti, la ritenzione idrica è una vera e propria malattia/patologia. Si tratta esattamente un un accumulo di liquido extracellulare, dovuto a uno scarso drenaggio linfatico o ad un aumento del contenuto di sodio; è un inestetismo frequente nelle persone soggette a cattiva circolazione sanguigna, nelle persone sedentarie – che stanno troppo sedute oppure troppo tempo in piedi.

dieta ritenzione idrica

le cause della ritenzione idrica sono svariate come

  • fumo
  • sedentarietà
  • eccessivo consumo di sale
  • poca idratazione
  • dieta poco equilibrata

Il primo passo quindi verso il miglioramento di questo inestetismo è sicuramente l’alimentazione.

Dieta per la ritenzione idrica: consigli su cosa mangiare

Prima di parlare dei cibi che possono aiutare a ridurla, è fondamentale parlare di idratazione: bere è necessario per il giusto funzionamento di tutto il nostro organismo – per stimolare la diuresi ed espellere i liquidi in eccesso. La quantità media di acqua da bere durante il giorno è di 2 litri.

dieta ritenzione idrica
l’acqua è la prima alleata contro la ritenzione idrica

In alimentazione non ci sono cibi magici che fanno sparire la pancia, nè tanto meno la ritenzione idrica. Tuttavia, grazie ad una serie di stimoli positivi per il nostro corpo, tra cui l’alimentazione equilibrata, è possibile migliorare la condizione dell’inestetismo.

  • Nè troppo, nè poco sale: la questione del sale è controversa quando si parla di inestetismi. In molti dicono che ridurre – o addirittura eliminare – la quantità di sale in cucina possa favorire l’eliminazione della ritenzione idrica. Tutto ciò è assolutamente sbagliato: il sodio è un elemento importantissimo per il nostro corpo ed eliminare il sale nella nostra alimentazione è assolutamente controproducente: l’OMS consiglia circa 2 grammi di sale al giorno, cercando di fare attenzione all’assunzione di alimenti già lavorati e ricchissimi di sale.
  • Potassio: è un minerale che aiuta a sconfiggere gli inestetismi tanto odiati. Il potassio è contenuto principalmente in frutta, verdura, carne e pesce.
  • Tra i cibi da assumere in una dieta contro la ritenzione idrica, sono efficaci quelli drenanti. Ne è un esempio l’ananas, che grazie all’enzima chiamato bromelina favorisce la digestione e aiuta in caso di inestetismi come la buccia d’arancia. Altra frutta e verdura perfetta sono asparagi, cetrioli, lattuga, mele, mirtilli, pomodori.
  • evita di assumere prodotti raffinati, come merendine, biscotti, patatine ecc…
  • limita l’assunzione di prodotti come gli insaccati e formaggi molto stagionati, ricchissimi di sale.
  • consuma il giusto apporto di proteine durante l’arco della giornata. La dose giornaliera raccomandata è di 0,8 grammi per Kilo corporeo.

Se vuoi seguire una dieta sana e bilanciata,

ma non sai da dove iniziare, puoi provare il servizio di Nutribees – che consegna pasti pronti a domicilio in tutta Italia. Ogni settimana è disponibile un menù con più di 40 ricette diverse, che seguono la regola del piatto sano e della dieta mediterranea.

dieta ritenzione idrica
Nutribees

Prima di ordinare, se vuoi, puoi compilare anche un test nutrizionale gratuito che ti permette di inserire le tue possibili intolleranze, richieste nutrizionali e obiettivi.

TEST GRATUITO

Health & Wellness, Lifestyle

Alimentazione in gravidanza: i consigli della nutrizionista

Una corretta alimentazione in gravidanza è fondamentale per ridurre i rischi che possono incorrere nella mamma e nel bambino. Quanto è importante? E come gestire post gravidanza l’alimentazione del proprio bambino? In questa intervista, la nutrizionista Lara Lanuzza ci parlerà di alimentazione a 360°, gravidanza e svezzamento.

Ciao Lara, racconteresti brevemente chi sei e di cosa ti occupi?

Mi chiamo Lara Lanuzza, ho 36 anni e sono una biologa nutrizionista di Roma. Ho una laurea magistrale in neurobiologia e un master in Dietologia e Nutrizione Clinica. 

alimentazione in gravidanza
Lara Lanuzza

Tutti i giorni, nel mio studio ho la fortuna di seguire molte persone, di qualsiasi età, che decidono di migliorare il proprio stile di vita, iniziando dalla sfera alimentare. Li guido verso un percorso alimentare cucito sulle loro abitudini e necessità, consigliandoli al meglio per ottenere i risultati sperati. 

Come ti sei avvicinata al mondo dell’alimentazione?

Nasco come sportiva e ho sempre pensato che l’alimentazione fosse un mezzo estremamente prezioso e spesso sottovalutato per sentirsi bene e stare bene con sè stessi. Il lavoro di nutrizionista è un lavoro meraviglioso in cui giornalmente hai la possibilità di confrontarti con realtà e problematiche diverse (mamme o future mamme, bambini, sportivi agonisti e non, pazienti che lottano contro disordini alimentari e patologie più disparate) toccando con mano quanto i piccoli cambiamenti portino a grandi benefici.

Cosa non deve mai mancare nella spesa di tutti noi?

I prodotti freschi, di stagione e – se possibile – a km zero. Consumare quello che la natura propone in quella stagione, facendo il pieno delle  vitamine e dei minerali è senza dubbio il migliore investimento che possiamo fare sulla nostra salute.

Sui social ti focalizzi spesso sull’alimentazione in gravidanza: quanto è importante?

Importantissima. Durante la gravidanza il bimbo cresce anche grazie all’alimentazione della mamma, di cui ne percepisce i sapori e inizia a farsi i suoi gusti. Una condotta alimentare scorretta e non attenta alla qualità e alle quantità degli alimenti, può portare problematiche al nascituro. Inoltre può rendere più difficoltoso il momento del parto e del post parto. Durante l’allattamento, gli alimenti assunti dalla mamma influenzano relativamente la composizione del latte materno, ma ne variano il sapore, permettendo al bambino di percepire sapori diversi e di essere più pronto per lo svezzamento.

Quali sono i falsi miti più comune sull’alimentazione in gravidanza?

Sicuramente quello che si possa o si debba “mangiare per due”. Al contrario, occorre mangiare in quantità moderate e rimodulare la propria alimentazione in relazione al BMI (indice di massa corporea) della mamma prima della gravidanza. In base poi ai trimestri, si faranno delle implementazioni kilocaloriche e proteiche secondo le linee guida e le necessità della mamma.

alimentazione in gravidanza

Qual è la differenza tra svezzamento e autosvezzamento?

Lo svezzamento è il momento della vita del bimbo (solitamente intorno ai 6 mesi) in cui le poppate con latte materno o in formula vengono sostituite in modo graduale (prima con il pranzo e solo successivamente con la cena) con le pappe o con gli alimenti solidi. La differenza tra svezzamento classico e autosvezzamento sta proprio nella consistenza del pasto che si offre al bimbo. Nello svezzamento classico si utilizzano prettamente pappe con alimenti, preferibilmente freschi, ma in forma tritata o omogeneizzata e spesso mescolati tra loro (ad es. brodo vegetale + carne + verdure + creme di cereali); il bimbo viene imboccato con un cucchiaino e mangia in orari diversi rispetto alla famiglia. Nell’ autosvezzamento invece il bimbo mangia il cibo dei genitori in autonomia, di solito utilizzando le mani e sperimentando. All’inizio – se interessato agli alimenti che vede nel piatto dei genitori, inizierà a familiarizzare con il cibo – manipolandolo e portandolo alla bocca. I sapori sono puri e non alterati da altri alimenti e non occorre effettuare cucine separate. Se scegliete l’autosvezzamento, dovrete adattarvi alle esigenze nutrizionali dei vostri bimbi, la cui alimentazione – almeno nel primo anno di vita – prevede l’esclusione di sale e di zuccheri aggiunti.

Esiste – e in caso qual è – una giusta introduzione graduale agli alimenti nell’alimentazione di un bimbo?

Fino a qualche tempo fa esisteva un cronoinserimento dei vari alimenti durante lo svezzamento. Si lasciavano per ultimi (intorno agli 8-9 mesi) quelli dal maggiore potere allergizzante come uova, pomodoro, frutta secca, fragole, ecc. Recenti studi hanno invece dimostrato che è esattamente l’opposto; prima vengono introdotti tali alimenti, più il bimbo sarà protetto dallo sviluppo di allergie in futuro. Le nuove linee guida quindi non prevedono più tabelle per lo svezzamento, lasciando piena libertà di organizzazione dei pasti e della scelta degli alimenti alle mamme.

alimentazione in gravidanza

Spesso dopo la gravidanza le mamme rischiano di cadere in diete drastiche per buttare giù i chili presi. Hai qualche consigli per evitare tutto ciò?

Le diete drastiche andrebbero evitate a prescindere, a maggior ragione dopo il parto. Questo è il periodo più delicato della vita di una mamma, ancor più della gravidanza, in cui la donna deve riprendere possesso del proprio corpo nel quale, a volte, potrebbe non riconoscersi. Il mio consiglio è duplice:

  • 1. Darsi tempo, alimentarsi nella maniera corretta senza eccessi e, appena possibile e in accordo con le figure mediche di riferimento, fare un pò di movimento per riattivare la muscolatura e stimolare il metabolismo.
  • 2. Prevenire. Se durante la gravidanza il peso preso non è stato eccessivo, non avrete difficoltà a perderlo, soprattutto se allattate. Qualora invece aveste preso molto peso, guardate il punto 1. 

Come far abituare il proprio bambino ai gusti e agli alimenti più comuni?

Proponendogli gli alimenti così come sono, senza mischiarli con altri. Se il bimbo rifiuta alcuni alimenti, continuate a proporli, magari in diverse consistenze e non meno di 7 volte. I bimbi prima o poi si sbloccano e accetteranno anche gli alimenti più ostici. L’importante è sempre proporre il cibo al bambino come offerta e mai come imposizione. Il momento della pappa deve essere un momento sereno; vissuto come tale sia dal bimbo sia dalla mamma. Il segreto di uno svezzamento di successo è la tranquillità della mamma. 

Cosa pensi dei servizi di healthy delivery food? Pensi che un servizio come Nutribees possa aiutare anche le mamme nell’educazione alimentare dei propri figli?

Penso che Nutribees sia un servizio estremamente valido, con piatti bilanciati a livello nutrizionale e materie prime naturali adatte a tutta la famiglia, anche ai bambini.

alimentazione in gravidanza
Nutribees consegna in tutta Italia pasti pronti personalizzati con ingredienti freschi

Sono sicuramente un’alternativa salutare da portare in tavola e un “salva pasto” non indifferente per quando non riusciamo a stare dietro anche alla cucina. Sono certa che i bimbi, così come i grandi li apprezzeranno e li ameranno.

Ordina Ora

Se volete contattare la nutrizionista Lara Lanuzza potete farlo alla sua mail
lara.lanuzza@libero.it

Health & Wellness, Lifestyle

Cibo giusto o sbagliato: come mangiare senza paranoie?

L’alimentazione e in generale la dieta viene spesso considerata in termini di ciò che è giusto o sbagliato mangiare. Questo atteggiamento nei confronti del cibo non è sostenibile nel lungo periodo e rischia di mettere a dura prova corpo e mente di chi cerca di mangiare sano. Mangiare in maniera sostenibile, godendo degli alimenti che più ci piacciono, è assolutamente possibile e consigliato. La nutrizionista milanese Grazia R. Cota si batte ogni giorno per aiutare le persone che la seguono – sui social e non – a ricostruire un buon rapporto con il cibo, a godere di esso e a non farsi prendere dalle paranoie. In questa intervista ci racconta un po’ del suo lavoro e di come riuscire a vivere l’alimentazione in maniera sana, sostenibile e senza privazioni.

cibo giusto o sbagliato
mangiare sano non vuol dire privarsi di alcuni cibi che vengono considerati come sbagliati

Quando è nata la tua passione per l’alimentazione?

La mia passione per l’alimentazione è nata tra i 17-18 anni dopo una vita di imposizioni di regole dietetiche da parte di altre persone (genitori, parenti, insegnanti, personal trainer…). Ognuno pensava di avere la verità in tasca, ognuno aveva una sua versione dei fatti. Ma io cercavo quella vera, che – ora che sono una professionista dell’alimentazione – mi rendo conto essere lontana anni luce da quella imposta da quelle persone.

Qual è la situazione più comune che riscontri nei tuoi pazienti?

Nella maggior parte dei casi, direi assolutamente l’ossessione della perdita di peso, qualunque sia il peso di partenza. E molto spesso anche la dicotomia tra giusto o sbagliato e di conseguenza tutto o nulla in ambito alimentare.

Che consigli daresti a chi vuole iniziare un percorso per mangiare meglio senza cadere in paranoie?

Per iniziare a mangiare sano senza paranoie il mio consiglio, che è quello che ripeto sempre più spesso sui social, è di evitare il fai da te. Non basta, però, questo consiglio: è importante affidarsi ai giusti professionisti, che in ambito alimentare sono Dietista nutrizionista, Biologo nutrizionista e Medico specialista in scienza dell’alimentazione. Instagram in questo aiuta le persone a mettersi in contatto con il professionista che più gli ispira empatia e fiducia, anche sulla base dei messaggi che lancia.

Sui social parli spesso di un tuo programma chiamato Smettiti a dieta: ci spieghi di cosa si tratta?

Dall’esperienza personale e quella lavorativa con le mie clienti ho sviluppato l’idea di “Smettiti a dieta”. Non è un metodo, non è una dieta miracolosa, non è fuffa. E’ un percorso alla riscoperta del cibo, del proprio rapporto con esso e delle emozioni che stanno alla base. Mangiare, infatti, non riguarda solo il cibo.

Ci sono cibi che non possono mai mancare nella tua alimentazione?

Nella mia alimentazione non possono mai mancare i finocchi, la curcuma e lo zenzero. Scherzo! Per me non possono mancare la farinata di ceci, le patate al forno e gli stick di carote al forno…tutto al forno insomma!

Dopo le feste tutti cercano di ricorrere ai ripari: cosa non si deve fare?

Dopo le feste è importante non cadere nel tranello del pensiero “adesso mi rimetto in riga, adesso rimedio a quello che ho combinato in questi giorni”, proprio figlio della mentalità “giusto o sbagliato” e “tutto-nulla” che si ha nei confronti del cibo. E’ importante invece mangiare normalmente, soprattutto senza regole rigide o restrizioni che possano alimentare il circolo vizioso della dieta.

giusto o sbagliato
Le diete restrittive non portano da nessuna parte!

Ci sono dei falsi miti riguardanti l’alimentazione che non sopporti?

Sicuramente i 5 falsi miti che proprio non sopporto sull’alimentazione sono

  1. La pasta va mangiata solo integrale
  2. I dolci fanno male
  3. Il digiuno intermittente è la panacea di tutti i mali
  4. Lo zucchero è una sostanza che dà dipendenza
  5. L’indice di massa corporea (IMC o BMI) è una misura accurata della mia salute

Cosa pensi dei servizi di healthy delivery food e di Nutribees?

L’idea di un delivery di healthy food è molto bella, rende gli alimenti “healthy”, “sani”, disponibili per più persone. Uso la parola “sano” tra virgolette perchè, ancora una volta, nel mondo “giusto o sbagliato” dell’alimentazione molti dei piatti anche presenti su Nutribees non vengono considerati “sani”. Niente di più lontano dalla verità! Per questo nello specifico il servizio di Nutribees mi piace molto, consiglio a tutti di assaggiare una box!

Ordina Ora

Per contattare le nutrizionista Grazia R. Cota, puoi scrivere al suo indirizzo email dietistagraziacota@gmail.com